Rete AMÚR

logo completo colore

AMÚR – ASSOCIAZIONI MUSICALI IN RETE

 

AMÚR – Associazioni Musicali in Rete – è frutto di un accordo fra 9 società ed enti musicali, con prevalente attività cameristica, che intendono collaborare strettamente fra loro. L’obiettivo comune è di creare occasioni di ideazione, coproduzione e far circolare progetti artistici.
Nell’ambito della rete AMÚR si prevedono ricadute positive sulla promozione e sull’economia delle attività realizzate e di ottimizzare il livello qualitativo delle stagioni musicali di ciascun partecipante.

 

 

Partecipano ad AMÚR, con la Società del Quartetto di Vicenza

l’Accademia Filarmonica Romana
l’Associazione Alessandro Scarlatti – Ente Morale dal 1948 di Napoli
l’Associazione Amici della Musica di Padova
la Fondazione Musica Insieme di Bologna
la Fondazione Perugia Musica Classica ONLUS
la Società dei Concerti Trieste
la Società del Quartetto di Milano
la Società Veneziana di Concerti

L’accordo, con durata triennale, rinnovabile, prevede anche lo scambio di informazioni sulla gestione e l’amministrazione, in un contesto di trasparenza, per la definizione delle best practices e la possibile individuazione di sponsor comuni, l’affidamento di commissioni a giovani compositori italiani, da presentare nelle rispettive stagioni.

Le prime commissioni, nell’ambito di un progetto di valorizzazione della musica contemporanea italiana, sono state affidate a Gabriele Cosmi e Marco Quagliarini.

I siti internet dei partecipanti ad AMÚR sono collegati così da facilitare ed estendere la conoscenza delle loro attività; soci ed abbonati alle rispettive stagioni di concerti potranno accedere a condizioni agevolate ai concerti di tutti i partecipanti ad AMÚR.

Sono stati individuati i primi progetti di concerti prodotti in comune fra partecipanti ad AMÚR: si tratta dell’integrale dei Quartetti per archi di Mozart, dell’Oratorio San Giovanni Battista di Alessandro Stradella, di due “maratone” schubertiane, dedicate l’una alle tre ultime Sonate per pianoforte (D 958, 959 e 960) e l’altra ai Quintetti con due violoncelliLa trota e al Quartetto “La morte e la fanciulla”, e di un concerto di musica contemporanea del mdi ensemble.